Sammlung der Entscheidungen des Schweizerischen Bundesgerichts
Collection des arrêts du Tribunal fédéral suisse
Raccolta delle decisioni del Tribunale federale svizzero

Schuldbetreibungs- und Konkurskammer 7B.212/2005
Zurück zum Index Schuldbetreibungs- und Konkurskammer 2005
Retour à l'indice Schuldbetreibungs- und Konkurskammer 2005


7B.212/2005 /viz

Sentenza dell'11 novembre 2005
Camera delle esecuzioni e dei fallimenti

Giudici federali Hohl, presidente,
Meyer, Marazzi,
cancelliere Piatti.

A. ________,
ricorrente,

contro

Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino,
quale autorità di vigilanza, via Pretorio 16, 6901 Lugano.

proseguimento di un'esecuzione,

ricorso LEF contro la decisione emanata il
25 maggio 2005 dalla Camera di esecuzione e
fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, quale autorità di
vigilanza.

Ritenuto in fatto e considerando in diritto:

1.
Il 16 marzo 2004 A.________ ha fatto spiccare nei confronti dell'avv.
B.________ un precetto esecutivo che è stato notificato alla segretaria di
tale legale il 29 marzo 2004. Il giorno della notifica, l'escusso si è recato
all'Ufficio di esecuzione di Locarno dove ha consegnato a un funzionario il
suo esemplare del precetto, completato con la sua firma, l'indicazione "si fa
OPPOSIZIONE" e la data "Locarno, 29.3.04".

2.
Il 1° dicembre 2004 A.________ ha chiesto il proseguimento dell'esecuzione,
allegando all'istanza l'esemplare del precetto esecutivo per il creditore,
che le è stato inviato il 26 aprile 2004 e da cui non risulta alcuna
opposizione da parte del debitore.
Il 3 dicembre 2004 l'Ufficio di esecuzione comunicava alla procedente di non
poter dar seguito alla sua domanda, perché il debitore aveva interposto
opposizione e che la copia a lui destinata era stata per errore spedita alla
creditrice il 29 marzo 2004. L'Ufficio indicava altresì che il "duplo" del
precetto esecutivo trasmessole il 26 aprile 2004 era da considerare non
valido.

3.
Con sentenza 25 maggio 2005 la Camera di esecuzione e fallimenti del
Tribunale d'appello del Cantone Ticino, quale autorità di vigilanza, ha
respinto un ricorso con cui la creditrice affermava che la copia del precetto
su cui risulta l'opposizione era il frutto di una manomissione. L'autorità di
vigilanza ha indicato che, nonostante l'istruttoria esperita, non è stato
possibile stabilire il contenuto dell'invio raccomandato 29 marzo 2004 alla
creditrice o il motivo per cui sull'esemplare del precetto destinato a
quest'ultima non figuri alcuna opposizione. Dalle risultanze istruttorie, ed
in particolare dalla "stampa degli eventi dell'esecuzione" prodotta
dall'Ufficio, risulta tuttavia che il 29 marzo 2004 il debitore ha
effettivamente fatto opposizione, motivo per cui l'Ufficio ha agito
correttamente respingendo la domanda di proseguimento dell'esecuzione.

4.
Con ricorso ai sensi dell'art. 19 LEF del 10 giugno 2005 - trasmesso
dall'autorità di vigilanza al Tribunale federale unicamente il 19 ottobre
2005 - A.________ postula l'annullamento della decisione cantonale e chiede
che l'esecuzione sia proseguita. Afferma che sia l'esemplare del precetto
destinato al debitore, notificatole il 29 marzo 2004, sia quello per il
creditore, inviatole il 26 aprile 2004, non menzionavano alcuna opposizione e
sostiene che l'esemplare agli atti recante un'opposizione sia stato
falsificato e "manomesso" dall'Ufficio, la cui parzialità risulterebbe pure
dal fatto che questi nelle sue osservazioni al rimedio cantonale aveva
erroneamente preteso che il ricorso era stato inoltrato dal debitore. Indica
altresì che nella procedura ricorsuale sarebbero state violate, a più
riprese, norme del CPC ticinese e della PC federale, segnatamente a causa
della mancata tempestiva intimazione di atti. La ricorrente ritiene altresì
che la sentenza impugnata violi una serie di garanzie costituzionali e norme
della CEDU. Infine, ella analizza le deposizioni dell'escusso e di un
funzionario dell'Ufficio, rilevando delle contraddizioni, e asserisce che la
"stampa degli eventi dell'esecuzione" dev'essere falsa, atteso che i dati
riportati non sarebbero veri.
Non è stata chiesta una risposta al ricorso.

5.
Con un ricorso ai sensi dell'art. 19 LEF può unicamente essere fatta valere
la violazione del diritto federale. Ciò preclude al Tribunale federale la
possibilità di rivedere nella presente procedura l'applicazione del diritto
cantonale (DTF 125 III 247). Nemmeno la violazione di norme della
Costituzione federale e della CEDU - che ha pure rango costituzionale (DTF
124 III 205 consid. 3b) - può essere proposta in questa sede, atteso che per
tali censure la legge riserva espressamente il ricorso di diritto pubblico
(combinati art. 81 e 43 cpv. 1 OG). Ne segue che, nella misura in cui la
ricorrente lamenta la violazione di disposti cantonali, costituzionali o
della CEDU, il ricorso si rivela di primo acchito inammissibile. Giova
inoltre aggiungere che del tutto inconferente si appalesa l'asserita
violazione di articoli della legge di procedura civile federale, atteso che
questa disciplina - in primo luogo - la procedura nelle cause civili
giudicate dal Tribunale federale come istanza unica (art. 1 cpv. 1 PC) e che
la LEF non contiene alcun rinvio ai disposti di tale legge.

6.
Adito come nella fattispecie con un ricorso fondato sull'art. 19 cpv. 1 LEF,
il Tribunale federale pone a fondamento della sua sentenza i fatti come sono
stati accertati dall'ultima autorità cantonale, salvo che siano state violate
disposizioni federali in materia di prove e riservata la rettificazione
d'ufficio degli accertamenti dovuti manifestamente ad una svista (combinati
art. 81 e 63 cpv. 2 OG). Contro la valutazione delle prove agli atti è
unicamente aperta la via del ricorso di diritto pubblico per arbitrio (DTF
120 III 114 consid. 3a).
Ora, l'argomentazione ricorsuale, che discute le deposizioni dell'escusso e
di un funzionario dell'Ufficio e critica l'attendibilità della "stampa degli
eventi dell'esecuzione", attiene unicamente all'apprezzamento delle prove
effettuato dall'autorità di vigilanza e si rivela per questo motivo
inammissibile nella procedura in esame. Atteso che la ricorrente non invoca
nessuna delle eccezioni che permettono al Tribunale federale di scostarsi
dalla fattispecie riportata nella sentenza impugnata, ai fini della presente
sentenza risulta, in base ai vincolanti accertamenti di fatto dell'autorità
di vigilanza, che l'escusso ha interposto opposizione al precetto esecutivo
il giorno medesimo della sua ricezione. L'autorità di vigilanza non ha
pertanto violato il diritto federale, respingendo un ricorso contro il
rifiuto dell'Ufficio di proseguire l'esecuzione avviata dalla ricorrente.

7.
Da quanto precede discende che il ricorso, privo di censure ricevibili,
dev'essere dichiarato inammissibile. Non si preleva tassa di giustizia (art.
20a cpv. 1 LEF).

Per questi motivi, la Camera pronuncia:

1.
Il ricorso è inammissibile.

2.
Comunicazione alla ricorrente, alla controparte (avv. B.________),
all'Ufficio di esecuzione e fallimenti di Locarno e alla Camera di esecuzione
e fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, quale autorità di
vigilanza.

Losanna, 11 novembre 2005

In nome della Camera delle esecuzioni e dei fallimenti
del Tribunale federale svizzero

La presidente:  Il cancelliere: