Sammlung der Entscheidungen des Schweizerischen Bundesgerichts
Collection des arrêts du Tribunal fédéral suisse
Raccolta delle decisioni del Tribunale federale svizzero

Schuldbetreibungs- und Konkurskammer 7B.54/2005
Zurück zum Index Schuldbetreibungs- und Konkurskammer 2005
Retour à l'indice Schuldbetreibungs- und Konkurskammer 2005


7B.54/2005 /viz

Sentenza dell'11 aprile 2005
Camera delle esecuzioni e dei fallimenti

Giudici federali Hohl, presidente,
Meyer, Marazzi,
cancelliere Piatti.

G. ________,
ricorrente,

contro

Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino,
quale autorità di vigilanza, via Pretorio 16, 6901 Lugano.

sospensione delle esecuzioni,

ricorso LEF contro la decisione emanata il 2 marzo 2005 dalla Camera di
esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, quale
autorità di vigilanza.

Ritenuto in fatto e considerando in diritto:

1.
G. ________ viene escusso da diversi creditori. Con sentenza 2 marzo 2005 la
Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino,
quale autorità di vigilanza, ha dichiarato inammissibile un ricorso del
debitore e ha ritornato gli atti all'Ufficio di esecuzione, affinché questo
si pronunci sulla domanda di sospensione delle esecuzioni formulata dal
ricorrente.

2.
Il 24 marzo 2005 G.________ ha consegnato alla Posta svizzera uno scritto,
datato 23 marzo 2005 e destinato al Tribunale federale, con cui chiede di
tenere "in giusta considerazione" i suoi argomenti.

3.
L'esposto del ricorrente, apparentemente tardivo, risulta comunque di primo
acchito irricevibile perché l'autorità di vigilanza ha emanato una decisione
- incidentale - di rinvio. Per costante giurisprudenza, infatti, con un
ricorso ai sensi dell'art. 19 cpv. 1 LEF non possono essere impugnate le
decisioni incidentali con cui l'autorità di vigilanza non si esprime su una
misura della procedura di esecuzione forzata, ma si limita a rinviare, senza
nel contempo ordinare misure di esecuzione forzata, gli atti all'Ufficio di
esecuzione per decisione (DTF 130 III 611 consid. 1.1 con rinvii).

4.
Da quanto precede discende che il ricorso si rivela inammissibile. Non si
preleva tassa di giustizia (art. 20a cpv. 1 LEF).

Per questi motivi, la Camera pronuncia:

1.
Il ricorso è inammissibile.

2.
Comunicazione al ricorrente, all'Ufficio di esecuzione e fallimenti di
Bellinzona e alla Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello
del Cantone Ticino, quale autorità di vigilanza.

Losanna, 11 aprile 2005

In nome della Camera delle esecuzioni e dei fallimenti
del Tribunale federale svizzero

La presidente:  Il cancelliere: