Sammlung der Entscheidungen des Schweizerischen Bundesgerichts
Collection des arrêts du Tribunal fédéral suisse
Raccolta delle decisioni del Tribunale federale svizzero

II. Öffentlich-rechtliche Abteilung, Subsidiäre Verfassungsbeschwerde 2D.45/2007
Zurück zum Index II. Öffentlich-rechtliche Abteilung, Subsidiäre Verfassungsbeschwerde 2007
Retour à l'indice II. Öffentlich-rechtliche Abteilung, Subsidiäre Verfassungsbeschwerde 2007


Tribunale federale
Tribunal federal

{T 0/2}
2D_45/2007

Sentenza del 1° aprile 2008
II Corte di diritto pubblico

Composizione
Giudici federali Merkli, presidente,
Hungerbühler, Müller, Karlen e Aubry Girardin,
cancelliere Bianchi.

Parti
A.________,
ricorrente, patrocinato dall'avv. Fulvio Pezzati,

contro

Consiglio di Stato del Cantone Ticino,
Residenza governativa, 6500 Bellinzona.

Oggetto
art. 9 CEDU, art. 18 Patto ONU II, art. 15 Cost.,
art. 8 Cost./TI (obbligo di sostenere gli esami
di maturità al sabato),

ricorso in materia costituzionale contro la decisione emanata il 30 maggio 2007
dal Consiglio di Stato
del Cantone Ticino.

Fatti:

A.
Membro della Chiesa cristiana avventista del settimo giorno, A.________ nel
corso dell'anno scolastico 2006/2007 ha frequentato la quarta classe presso il
liceo cantonale di Lugano 2. Il 19 marzo 2007, appreso che tre dei cinque esami
scritti di maturità si sarebbero svolti di sabato (il 2, il 9 ed il 16 giugno
2007), ha chiesto alla direzione dell'istituto di poterli effettuare in giorni
diversi, per permettergli di osservare il precetto del riposo sabbatico. Con
decisione del 30 marzo 2007 il Consiglio di direzione ha respinto la richiesta,
rilevando in particolare che lo svolgimento di alcuni esami il sabato mattina
garantiva condizioni ideali e che deroghe erano ipotizzabili soltanto per gravi
motivi di salute o per cause di forza maggiore.
Contro tale pronuncia l'interessato si è aggravato dinanzi al Dipartimento
dell'educazione, della cultura e dello sport (di seguito: il Dipartimento), che
il 7 maggio 2007 ha però respinto il ricorso. Impugnata anch'essa, la decisione
dipartimentale è stata a sua volta confermata dal Consiglio di Stato il 30
maggio seguente. Secondo il Governo cantonale la possibilità di tenere esami di
sabato si fondava su una norma legale chiara e che non ammetteva eccezioni; sul
tenore della stessa, vista la sua rigidità, sarebbe comunque stata utile una
riflessione.

B.
Il 31 maggio 2007 A.________ ha adito il Tribunale federale mediante un ricorso
in materia costituzionale con cui, lamentando la violazione della libertà di
credo e di coscienza, ha chiesto il conferimento dell'effetto sospensivo o
l'adozione di misure cautelari che gli consentissero di sostenere gli esami
ormai imminenti in giorni diversi dal sabato.
Con decreto del 6 giugno 2007 il presidente della II Corte di diritto pubblico
ha respinto l'istanza, nella misura in cui non era divenuta priva d'oggetto a
seguito dell'avvenuto svolgimento del primo esame.
Il 2 luglio 2007 A.________ ha presentato una memoria ricorsuale completiva,
con cui chiede di annullare la decisione del Consiglio di Stato. Sostiene tra
l'altro che vi sarebbe ancora un interesse ad ottenere un giudizio del
Tribunale federale, nonostante egli sia in definitiva stato costretto a
presentarsi agli esami.
Invitato ad esprimersi, il Consiglio di Stato si rimette al giudizio del
Tribunale federale, senza formulare particolari osservazioni.
Su richiesta del Giudice delegato, il 12 dicembre 2007 il Dipartimento ha
fornito alcune informazioni complementari sui motivi di deroga ammessi e sui
casi concretamente registrati negli ultimi anni.
Il 18 gennaio 2008 il ricorrente ha presentato un allegato scritto conclusivo,
in cui ribadisce la domanda di giudizio formulata nel ricorso.

Diritto:

1.
Il Tribunale federale esamina d'ufficio e con pieno potere di cognizione la sua
competenza (art. 29 cpv. 1 LTF), rispettivamente l'ammissibilità dei gravami
che gli vengono sottoposti (DTF 134 IV 36 consid. 1; 133 II 249 consid. 1.1).

1.1 La decisione impugnata è stata pronunciata in una causa di diritto pubblico
(art. 82 lett. a LTF) e non concerne uno degli ambiti in cui il rimedio
giuridico ordinario è eccezionalmente escluso (art. 83-85 LTF). Di conseguenza,
dinanzi al Tribunale federale è di principio esperibile un ricorso in materia
di diritto pubblico e non, come proposto dall'insorgente, un ricorso in materia
costituzionale, che ha natura sussidiaria (art. 113 LTF). Quest'ultimo mezzo
d'impugnazione non è dato ogniqualvolta secondo il pregresso regime si sarebbe
dovuto presentare un ricorso di diritto pubblico (art. 84 segg. OG). Una delle
novità principali della legge sul Tribunale federale è infatti stata
l'introduzione di cosiddetti ricorsi unitari. Dal profilo della via di ricorso
è quindi divenuto irrilevante stabilire se la decisione impugnata sia fondata
sul diritto federale oppure su quello cantonale (cfr., p. es., Heinrich Koller,
Presentazione della nuova organizzazione giudiziaria federale e del diritto
processuale unificato, in: CFPG [a cura di], La nuova legge sul Tribunale
federale, Basilea 2007, pag. 1 segg., in part. pag. 21).
Nella misura in cui l'allegato ricorsuale adempie le esigenze formali del tipo
di ricorso effettivamente esperibile, l'errata denominazione del rimedio non
comporta comunque alcun pregiudizio per la parte ricorrente (DTF 133 I 300
consid. 1.2; cfr. anche DTF 131 I 145 consid. 2.1).

1.2 Il ricorrente non ha di per sé più alcun interesse all'annullamento della
decisione impugnata (cfr. art. 89 cpv. 1 lett. c LTF), visto che ha in
definitiva deciso di sostenere gli esami di maturità nonostante alcuni di
questi si siano tenuti di sabato. Secondo la prassi, valida anche sotto
l'imperio della legge sul Tribunale federale, si rinuncia tuttavia
eccezionalmente all'esigenza di un interesse pratico ed attuale se il ricorso
solleva questioni di principio suscettibili di riproporsi in circostanze
identiche o simili, sulle quali il Tribunale federale non potrebbe di fatto mai
pronunciarsi tempestivamente (sentenza 1C_89/2007 del 13 luglio 2007, consid.
1.3; DTF 131 II 670 consid. 1.2; 127 I 164 consid. 1a). Nel caso specifico, va
considerato che le date degli esami vengono di regola comunicate agli allievi
ad anno scolastico inoltrato e che la procedura per contestarle richiede un
certo tempo, in quanto prevede già ora tre gradi di giudizio a livello
cantonale. Inoltre non v'è dubbio che, come in passato, anche in futuro si
presenteranno agli esami di maturità studenti appartenenti alla Chiesa
cristiana avventista che avanzeranno la medesima richiesta del ricorrente. Si
giustifica pertanto di soprassedere all'esigenza di un interesse pratico ed
attuale.

1.3 Diretto contro la pronuncia di un'autorità che funge ancora legittimamente
da ultima istanza cantonale nonostante non abbia natura giudiziaria (cfr. art.
29a Cost., art. 86 cpv. 2 e 130 cpv. 3 LTF), il gravame, debitamente motivato
(cfr. art. 42 cpv. 2 e 106 cpv. 2 LTF; DTF 133 II 249 consid. 1.4.2), è quindi
di massima ammissibile quale ricorso in materia di diritto pubblico.
Ricevibili risultano sia il primo atto di ricorso introdotto d'urgenza sia la
successiva memoria integrativa, poiché entrambi gli allegati sono stati
presentati entro la scadenza del termine di impugnazione (art. 100 cpv. 1 LTF;
Laurent Merz, in: Niggli/Uebersax/Wiprächtiger [a cura di], Basler Kommentar,
Bundesgerichtsgesetz, Basilea/Ginevra/Monaco 2008, n. 43 ad art. 42). Di
principio non possono per contro venir prese in considerazione le nuove prove
allegate dal ricorrente alla sua seconda memoria ricorsuale e all'allegato
conclusivo (art. 99 cpv. 1 LTF; cfr. comunque sentenza 2C_10/2007 dell'8
ottobre 2007 consid. 1.4; cfr. anche sentenza 1P.384/2006 del 9 novembre 2006,
in: ZBl 2007 pag. 96, consid. 2).

2.
2.1 Secondo l'art. 15 Cost., la libertà di credo e di coscienza è garantita
(cpv. 1) ed ognuno ha diritto di scegliere liberamente la propria religione e
le proprie convinzioni filosofiche e di professarle individualmente o in
comunità (cpv. 2) così come ha diritto di aderire o non aderire ad una comunità
religiosa, di farne o non farne parte e di seguire o non seguire un
insegnamento religioso (cpv. 3 e 4). Protette sono tutte le convinzioni e
concezioni spirituali o intellettuali attinenti al rapporto fra l'essere umano
e la divinità (DTF 123 I 296 consid. 2b/aa; 119 Ia 178 consid. 4b; 116 Ia 252
consid. 5c) e tutte le religioni, indipendentemente dalla loro diffusione più o
meno ampia in Svizzera (DTF 119 Ia 178 consid. 4b).
Tutelata è tra l'altro anche la possibilità di rispettare i giorni festivi e di
riposo previsti da una determinata religione, in quanto parte integrante del
diritto all'esercizio di pratiche religiose (DTF 129 I 74 consid. 5.1; Ulrich
Häfelin/Walter Haller, Schweizerisches Bundesstaatsrecht, 6a ed., Zurigo/
Basilea/Ginevra 2005, n. 410; Peter Karlen, Das Grundrecht der
Religionsfreiheit in der Schweiz, tesi Zurigo 1988, pag. 233 e 346). Questo
aspetto non costituisce comunque una componente del contenuto essenziale ed
intangibile della libertà di credo e di coscienza (DTF 129 I 74 consid. 5.1;
123 I 296 consid. 2b/cc; cfr. anche Karlen, op. cit., pag. 243 segg.). Di
conseguenza, come nel caso degli altri diritti fondamentali, anche il diritto
all'osservanza dei giorni di riposo per motivi religiosi può essere soggetto a
restrizioni, a condizione che queste si fondino su una base legale sufficiente,
rispondano ad un interesse pubblico preponderante e rispettino il principio di
proporzionalità (art. 36 Cost.; DTF 129 I 74 consid. 4.1; 123 I 296 consid. 2b/
cc; 117 Ia 311 consid. 2b).

2.2 La libertà di coscienza e di religione è garantita anche dall'art. 9 della
Convenzione del 4 novembre 1950 per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e
delle libertà fondamentali (CEDU; RS 0.101) e dall'art. 18 del Patto
internazionale del 16 dicembre 1966 relativo ai diritti civili e politici
(Patto ONU II; RS 0.103.2). Queste garanzie non hanno a loro volta portata
assoluta, ma possono venir ristrette entro limiti in concreto analoghi a quelli
ammissibili nell'ottica dell'art. 15 Cost. (cfr. art. 9 n. 2 CEDU; DTF 129 I 74
consid. 4.1; 123 I 296 consid. 2b/aa e 2b/cc). La stessa conclusione vale in
riferimento all'art. 8 cpv. 2 lett. b Cost./TI (cfr. art. 8 cpv. 3 Cost./TI;
DTF 121 I 267 consid. 3a; Karlen, op. cit., pag. 165 segg.).

3.
3.1 L'obbligo di frequentare la scuola durante giorni festivi o consacrati al
riposo dalla propria religione costituisce una limitazione del diritto alla
libertà di coscienza, così come testé definito, perché impedisce di prendere
parte alle attività religiose che si svolgono in tali momenti e di attenersi ai
precetti confessionali. In taluni casi, il rispetto della garanzia
costituzionale può quindi imporre che gli allievi appartenenti ad una
determinata comunità religiosa, in occasione di ricorrenze riconosciute dalla
loro confessione, vengano dispensati dall'obbligo di presenza scolastica
(Christian R. Tappenbeck/René Pahud de Mortanges, Religionsfreiheit und
religiöse Neutralität in der Schule, in: AJP 2007 pag. 1401 segg., in part.
pag. 1408).

3.2 Il Tribunale federale ha già avuto occasione di confrontarsi con questa
problematica, sia per quanto riguarda talune festività (DTF 114 Ia 129), sia in
riferimento all'obbligo di frequentare la scuola il sabato per studenti che,
come in particolare i membri della comunità ebraica o della Chiesa cristiana
avventista, ossequiano in modo rigoroso il riposo sabbatico (DTF 117 Ia 311;
cfr. anche DTF 66 I 157). Rilevato che i calendari scolastici tengono in genere
già conto delle festività celebrate dalle religioni tradizionali e più diffuse,
la giurisprudenza ha stabilito che le esigenze delle singole comunità
religiose, e quindi segnatamente di quelle minoritarie, vanno prese in
considerazione nella misura in cui sono ancora compatibili con l'interesse
pubblico a garantire un'attività scolastica ordinata ed efficiente (DTF 117 Ia
311 consid. 4a). Il Tribunale federale ha inoltre definito importante
l'interesse pubblico al rispetto dell'obbligo scolastico, tanto sotto il
profilo dell'organizzazione della scuola e degli studi quanto nell'ottica della
tutela degli interessi degli altri studenti (DTF 117 Ia 311 consid. 4b; 114 Ia
129 consid. 5a). Ha però altresì rilevato che nel caso di una dispensa dalle
lezioni durante ogni sabato dell'anno, problemi insolubili potrebbero tutt'al
più porsi se un numero di studenti relativamente elevato per rapporto alle
dimensioni della scuola dovesse sollecitare una regolamentazione speciale.
D'altronde, ha ancora aggiunto, entro una certa misura si può pretendere che
gli insegnanti e l'amministrazione dell'istituto assecondino e agevolino le
richieste serie e fondate delle minoranze religiose, analogamente a quanto
fanno in caso di assenze per altri motivi (DTF 117 Ia 311 consid. 5b). A questi
principi il Tribunale federale si è in parte ispirato anche per ammettere la
dispensa di un'allieva di religione mussulmana dalle lezioni di nuoto (DTF 119
Ia 178 consid. 7e e 8c).

4.
4.1 Il problema della frequentazione delle scuole al sabato è in gran parte
venuto a cadere nel corso degli ultimi decenni perché, seguendo una tendenza
sociale e lavorativa generale, l'insegnamento è al giorno d'oggi normalmente
impartito sull'arco di cinque giorni, dal lunedì al venerdì (cfr. già DTF 117
Ia 311 consid. 5b). Sancito dall'art. 15 cpv. 5 della legge cantonale della
scuola, del 1° febbraio 1990 (Lsc), questo principio è applicato anche in tutti
gli ordini di scuola del Cantone Ticino. In precedenza la prassi cantonale
doveva comunque essere abbastanza tollerante. Lo si può desumere dalla
circolare, prodotta dal ricorrente, emanata dal Dipartimento della pubblica
educazione il 12 marzo 1964, nella quale l'autorità raccomandava agli ispettori
ed ai direttori scolastici di permettere l'assenza al sabato agli allievi
appartenenti alla Chiesa cristiana avventista e di fare in modo che essi
potessero comunque presentarsi regolarmente agli esami.

4.2 Al momento della sua adozione, la legge sulla scuola non prevedeva
eccezioni allo svolgimento dell'attività scolastica su cinque giorni. Tuttavia,
stando alla decisione di prima istanza, praticamente da sempre almeno una parte
degli esami di maturità si svolge il sabato mattina. Per codificare questa
prassi, dopo una richiesta analoga a quella in esame sfociata di fatto in un
cambiamento di date per le allieve richiedenti, nel 2004 è stata apportata una
modifica all'art. 15 cpv. 8 LSc. Tale norma ora dispone non solo, come in
origine, che gli esami finali delle scuole post-obbligatorie hanno luogo di
regola dopo la fine dell'anno scolastico, ma precisa pure che gli stessi
possono svolgersi anche di sabato. Di conseguenza, come del resto riconosciuto
dal ricorrente, la possibilità per gli istituti liceali di tenere taluni esami
di maturità al sabato si fonda su una base legale sufficiente.

4.3 La regolamentazione legale non disciplina per contro la concessione di
deroghe per motivi religiosi quando gli esami vengono effettivamente
organizzati di sabato. Diversamente da quanto affermato nella decisione
impugnata, il rispetto formale della legislazione cantonale non implica
tuttavia ancora che non debba venir ammessa alcuna dispensa. Se si rivelasse
sproporzionato, il rifiuto opposto al ricorrente risulterebbe infatti
anticostituzionale indipendentemente dal tenore delle disposizioni legali (DTF
119 Ia 178 consid. 7b; 117 Ia 311 consid. 5c). Del resto, la legge non prevede
nemmeno altri motivi che giustificano di non presenziare ad un esame nel giorno
stabilito. Eppure secondo la prassi cantonale, per ragioni di salute o per
altri motivi di forza maggiore, lo spostamento di un esame viene comunque
ammesso (cfr. anche Herbert Plotke, Schweizerisches Schulrecht, 2a ed., Berna
2003, pag. 452 segg.).

5.
5.1 Va da sé che, salvo accorgimenti particolari, tutti gli studenti tenuti a
sostenere un esame scritto identico nel contenuto lo devono svolgere nello
stesso tempo, per non potersi consultare tra di loro. Per ragioni di parità di
trattamento e nell'interesse di tutti gli studenti è inoltre certo preferibile
che agli stessi vengano sottoposti esami scritti identici, in modo che il grado
di difficoltà sia esattamente il medesimo e che la valutazione possa fondarsi
anche sul confronto tra i lavori ed i risultati dei differenti esaminandi.
L'interesse della scuola e dei docenti a non concedere deroghe è poi in
generale accresciuto rispetto a quello esistente nel caso di una dispensa
dall'obbligo di presenza scolastica il sabato. In effetti in quest'ultimo caso,
come per una normale assenza per malattia, l'attività scolastica segue di
principio normalmente il suo corso e tocca in primo luogo all'allievo
recuperare le lezioni a cui è mancato, fondandosi semmai sull'aiuto dei
compagni e su qualche indicazione degli insegnanti. Lo spostamento di un esame
richiede per contro al docente un lavoro di preparazione sostanzialmente doppio
ed una presenza supplementare durante lo svolgimento dell'esame di recupero.
L'adozione di una prassi restrittiva nella concessione di deroghe risponde
pertanto a motivi d'interesse pubblico.

5.2 Come il ricorrente, ci si potrebbe per contro chiedere quale sia e quanto
sia importante l'interesse pubblico a programmare alcuni esami di maturità di
sabato, dato che, salvo questa eccezione, l'attività scolastica è per il resto
organizzata su cinque giorni. I materiali legislativi concernenti la modifica
dell'art. 15 cpv. 8 LSc affermano che lo svolgimento al sabato permette di
beneficiare di una situazione ambientale tranquilla e consente di organizzare
successivamente gli esami orali entro tempi ragionevoli (cfr. Messaggio del
Consiglio di Stato n. 5442 dell'11 novembre 2003 sul progetto di alleggerimento
della legislazione cantonale - approvazione del pacchetto B, ad art. 15 LSc).
Nello stesso senso la decisione di prima istanza rileva che il sabato offre
condizioni ideali in termini di disponibilità di aule e sorveglianti nonché di
tranquillità e silenzio.
Queste condizioni sono tuttavia evidentemente adempiute in qualsiasi giorno
della settimana se, come recita la prima parte dell'art. 15 cpv. 8 LSc, gli
esami hanno luogo dopo la fine dell'anno scolastico. Ma anche se gli esami
vengono indetti prima della fine dell'anno, pur senza conoscere i dettagli
legati alla loro organizzazione, v'è motivo di ritenere che gli inconvenienti
evocati non siano particolarmente gravi, come dimostra anche il fatto che
alcune prove si tengono in ogni caso durante la settimana, nonostante il
rumore, l'occupazione delle aule e gli impegni ordinari dei docenti. Quanto poi
alla possibilità di non protrarre la sessione d'esami troppo a lungo dopo la
fine dell'anno scolastico, sarebbe certo ipotizzabile fissare i singoli esami a
scadenze più ravvicinate, come accade sovente anche a livello universitario. La
questione dell'esistenza di un interesse pubblico sotto questo profilo può
comunque in definitiva rimanere aperta.

6.
6.1 Ammesso che vi sia un interesse pubblico ad organizzare alcuni esami di
sabato, la soluzione che meglio garantirebbe condizioni simili per tutti gli
studenti, permettendo nel contempo di rispettare il riposo sabbatico, sarebbe
probabilmente quella adottata dal docente che, come risulta dalla dichiarazione
agli atti, ha fatto svolgere l'esame ad un allievo di religione ebraica il
venerdì pomeriggio e, beninteso con il suo consenso, l'ha poi ospitato fino al
sabato mattina, quando era previsto l'esame per i compagni. Se non
necessariamente questa misura, una dispensa dall'obbligo di sostenere esami al
sabato impone in ogni caso una prestazione positiva da parte degli organi
scolastici. Come già osservato, per avere un senso la dispensa deve infatti
essere accompagnata dalla possibilità di recuperare gli esami in altra data,
evidentemente, salvo in situazioni particolari come quella descritta, con
contenuto differente.

6.2 Pur avendo innanzitutto una funzione di tutela del singolo da ingerenze
statali (DTF 125 I 300 consid. 3a; Karlen, op. cit., pag. 173), la libertà di
religione in talune situazioni può legittimare anche l'ottenimento di
prestazioni positive dallo Stato. Ciò vale in particolare quando il cittadino è
legato allo Stato da uno statuto speciale che comporta ampie limitazioni della
sua libertà e che di riflesso impone provvedimenti concreti per permettergli o
facilitargli l'esercizio e il rispetto di pratiche religiose. Oltre ad esempio
al regime carcerario o al servizio militare, uno degli ambiti in cui si crea
questo rapporto speciale è precisamente quello scolastico (DTF 125 I 300
consid. 3a; Karlen, op. cit., pag. 178 seg.; Tappenbeck/Pahud de Mortanges, op.
cit., pag. 1413 seg.; Judith Wyttenbach/Walter Kälin, Schulischer
Bildungsauftrag und Grund- und Menschenrechte von Angehörigen
religiös-kultureller Minderheiten, in: AJP 2005, pag. 315 segg., in part. pag.
320).
In tale contesto, se la prestazione necessaria richiede oneri amministrativi e
di preparazione eccessivi o comporta costi troppo elevati, mettendo in
discussione il funzionamento ordinato ed efficiente della scuola (cfr. DTF 117
Ia 311 consid. 4a), un allievo non può comunque pretendere, in nome della
libertà di religione, di ottenere la prestazione stessa dalla scuola pubblica.
La sua libertà è in tal caso sufficientemente salvaguardata già dalla
possibilità di iscriversi ad una scuola privata comparabile a quella statale
quanto al livello di insegnamento impartito, ma pronta ad adattarsi alle sue
esigenze (DTF 114 Ia 129 consid. 3a; Tappenbeck/Pahud de Mortanges, op. cit.,
pag. 1409).

6.3 In concreto, vista la disponibilità che presuppone, la soluzione adottata
nel caso a cui si è accennato in precedenza è chiaramente inesigibile in
maniera generalizzata. Per quanto concerne invece l'impegno supplementare
richiesto per predisporre il recupero degli esami, è vero, da un lato, che
l'incompatibilità tra la prescrizione religiosa e l'ordinamento scolastico si
presenta soltanto per due o tre sabati durante un intero ciclo liceale. È però
altresì vero, d'altro lato, che casi di deroga si pongono ad ogni modo
regolarmente, e vengono già riconosciuti, per ragioni di malattia, di
incidente, di lutto familiare o di coincidenza di date con esami di ammissione
a studi superiori. In queste situazioni gli istituti scolastici devono comunque
approntare esami di riserva, che hanno dimostrato di poter organizzare in modo
adeguato, con soluzioni adottate caso per caso in tempi in genere rapidi. In
maniera analoga hanno del resto proceduto anche diverse direzioni scolastiche
che già hanno accolto domande fondate su motivi religiosi. Di regola in tal
caso la scuola dovrebbe oltretutto beneficiare di più tempo per la preparazione
e l'organizzazione rispetto ai rinvii dovuti a malattia o incidente, perché il
motivo di deroga è conosciuto con un certo anticipo. Considerato poi il numero
di aderenti alla Chiesa cristiana avventista del settimo giorno in Ticino e la
documentazione prodotta dal ricorrente riguardo a precedenti richieste analoghe
alla sua, le deroghe supplementari dovrebbero rimanere assai limitate. Non
sarebbe quindi un numero significativo di studenti a chiedere una
regolamentazione speciale (cfr. DTF 119 Ia 178 consid. 8c; 117 Ia 311 consid.
5b). Già attuata per altri casi, la stessa andrebbe pertanto estesa in misura
che, senza voler minimizzare le difficoltà evidenziate in particolare nelle
osservazioni dipartimentali, non appare ragionevolmente suscettibile di
incidere in maniera rilevante sul buon funzionamento della scuola e
sull'ordinato corso degli esami.
Sono del resto immaginabili anche soluzioni più razionali per permettere di
recuperare gli esami, soprattutto di fronte ad un numero di dispense più
consistente, in particolare per cause di malattia. Altrove è ad esempio un solo
istituto ad organizzare una giornata di recupero per tutti gli studenti del
cantone che hanno beneficiato di deroghe alle date prestabilite, in modo da
concentrare l'impegno supplementare in uno stesso luogo ed in uno stesso
momento.

6.4 Certo, con la concessione di deroghe la parità di trattamento tra gli
esaminandi non è assoluta come se essi sostengono tutti le stesse prove
contemporaneamente. L'esperienza e la preparazione dei docenti e degli esperti
permette tuttavia senz'altro di ottenere una valutazione comunque attendibile e
oggettiva. Il risultato dell'esame scritto eventualmente differito costituisce
inoltre solo uno degli elementi che concorrono a fissare la nota di maturità
(cfr. gli art. 14 cpv. 1 e 15 cpv. 1 lett. a dell'ordinanza federale
concernente il riconoscimento degli attestati liceali di maturità, del 15
febbraio 1995 [ORM; RS 413.11]; cfr. anche gli art. 47-51 del regolamento
cantonale della legge sulle scuole medie superiori, del 22 settembre 1987).

6.5 La decisione impugnata è d'altronde in contrasto con la circolare emanata
il 9 novembre 2006 del Segretariato generale della Conferenza svizzera dei
direttori cantonali della pubblica educazione (di seguito: CDPE) all'indirizzo
dei rettori delle scuole ginnasiali. Tale documento auspica infatti che, per
rispettare le convinzioni religiose degli studenti di fede ebraica o
appartenenti a talune comunità cristiane, lo svolgimento di esami o di altre
attività scolastiche al sabato costituisca un'eccezione. Inoltre invita le
direzioni degli istituti, in caso di concomitanza con giorni festivi religiosi,
a trovare soluzioni con gli studenti interessati, in modo da tutelare il
diritto fondamentale alla libertà di religione.
Come documentato dal ricorrente, numerosi Stati hanno adottato disposizioni
nello stesso senso. Significativa è ad esempio la legge italiana n. 516 del 22
novembre 1988 concernente la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione
italiana delle Chiese cristiane avventiste del settimo giorno, la quale impone
alle autorità scolastiche di prevedere opportuni accorgimenti affinché i
candidati avventisti che ne facciano richiesta possano sostenere in altri
giorni prove d'esame fissate di sabato. In Germania il problema è invece stato
oggetto di una circolare emessa il 19 maggio 2005 dalla Conferenza dei rettori
delle scuole superiori, il cui tenore è sostanzialmente identico a quello del
documento della CDPE, ancorché riferito solo agli studenti di religione
ebraica.

6.6 In base alle considerazioni che precedono, il rifiuto di concedere la
deroga chiesta dal ricorrente si avvera pertanto sproporzionato. L'interesse
degli allievi appartenenti alla Chiesa cristiana avventista a poter osservare
il precetto del riposo sabbatico risulta infatti prevalente rispetto
all'interesse pubblico a far svolgere a tutti i maturandi taluni esami al
sabato, anche se ciò comporta per gli istituti scolastici un impegno
supplementare, che non appare eccessivamente gravoso ed è già richiesto in
altri casi, per permettere agli studenti toccati di sostenere gli esami in un
altro momento. La decisione impugnata viola di conseguenza la libertà di credo
e di coscienza.

7.
7.1 Ne segue che l'impugnativa, da trattare quale ricorso in materia di diritto
pubblico, deve essere accolta e la pronuncia governativa annullata.

7.2 Visto che lo Stato del Cantone Ticino, soccombente, è intervenuto in causa
senza alcun interesse pecuniario, si prescinde dal prelievo delle spese
giudiziarie (art. 66 cpv. 1 e 4 LTF). ll Cantone stesso dovrà comunque
corrispondere al ricorrente, patrocinato da un avvocato, un'indennità per
ripetibili della sede federale (art. 68 cpv. 1 e 2 LTF).

Per questi motivi, il Tribunale federale pronuncia:

1.
Il ricorso, da trattare quale ricorso in materia di diritto pubblico, è accolto
e la decisione emanata dal Consiglio di Stato del Cantone Ticino il 30 maggio
2007 è annullata.

2.
Non si prelevano spese giudiziarie.

3.
Lo Stato del Cantone Ticino rifonderà al ricorrente un'indennità di fr.
3'000.-- a titolo di ripetibili della sede federale.

4.
Comunicazione al patrocinatore del ricorrente e al Consiglio di Stato del
Cantone Ticino.
Losanna, 1° aprile 2008
In nome della II Corte di diritto pubblico
del Tribunale federale svizzero
Il presidente: Il cancelliere:

Merkli Bianchi