Sammlung der Entscheidungen des Schweizerischen Bundesgerichts
Collection des arrêts du Tribunal fédéral suisse
Raccolta delle decisioni del Tribunale federale svizzero

I. Sozialrechtliche Abteilung, Beschwerde in öffentlich-rechtlichen Angelegenheiten 8C.104/2007
Zurück zum Index I. Sozialrechtliche Abteilung, Beschwerde in öffentlich-rechtlichen Angelegenheiten 2007
Retour à l'indice I. Sozialrechtliche Abteilung, Beschwerde in öffentlich-rechtlichen Angelegenheiten 2007


Tribunale federale
Tribunal federal

8C_104/2007{T 0/2}

Sentenza del 28 marzo 2008
I Corte di diritto sociale

Composizione
Giudici federali Ursprung, Presidente,
Lustenberger, Frésard,
cancelliere Schäuble.

Parti
M.________, Italia,
ricorrente, rappresentato dall'avv. Eugenia Bianchi, Via Nassa 60, 6901 Lugano,

contro

Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni,
Fluhmattstrasse 1, 6002 Lucerna,
opponente.

Oggetto
Assicurazione contro gli infortuni,

ricorso contro il giudizio del Tribunale delle assicurazioni del Cantone Ticino
del 15 febbraio 2007.

Fatti:

A.
Mediante decisione dell'11 settembre 1990 l'Istituto nazionale svizzero di
assicurazione contro gli infortuni (INSAI) ha riconosciuto a M.________, nato
il 18 novembre 1937, colpito da malattia professionale (eczema cronico al
dicromato di potassio), una rendita d'invalidità del 50% a partire dal 1°
settembre 1989.

Il 15 ottobre 1996 l'assicurato ha postulato una seconda volta la revisione
della rendita, domanda questa disattesa dall'INSAI, mediante decisione del 26
marzo 1997, per carenza dei presupposti legali. L'Istituto assicuratore ha
confermato il provvedimento anche in seguito all'opposizione interposta
dall'interessato (decisione su opposizione del 5 agosto 1997). Quest'ultima
decisione è stata a sua volta confermata su ricorso dal Tribunale delle
assicurazioni del Cantone Ticino con giudizio del 17 luglio 1998.

In data 25 febbraio 2003 l'assicurato ha presentato all'INSAI una nuova domanda
di revisione, chiedendo il riconoscimento di una rendita d'invalidità del 100%.
Con provvedimento 28 aprile 2003, confermato mediante decisione su opposizione
del 26 giugno 2003, l'Istituto assicuratore gli ha comunicato che, avendo egli
compiuto i 65 anni nel corso del mese di novembre 2002, la sua rendita per
legge non era più rivedibile. Statuendo su ricorso dell'interessato, il
Tribunale cantonale delle assicurazioni ne ha respinto il gravame, nella misura
in cui lo ha ritenuto ricevibile (pronuncia del 26 gennaio 2004). L'assicurato
ha deferito questa pronuncia con atto di ricorso al Tribunale federale delle
assicurazioni (dal 1° gennaio 2007: Tribunale federale). Con sentenza del 17
marzo 2006 la Corte federale ha parzialmente accolto l'impugnativa, annullando
il giudizio querelato nella misura in cui rifiutava un aumento della rendita a
partire dal 5 agosto 1997 e rinviando gli atti all'istanza precedente per
allestimento di una perizia specialistica ed eventuale nuova determinazione del
grado d'invalidità dell'insorgente dopo tale data.

B.
A seguito della sentenza di rinvio, l'autorità giudiziaria cantonale ha
affidato l'incarico di compiere i necessari accertamenti al PD dott.
G.________, specialista FMH in dermatologia e malattie a trasmissione sessuale,
il quale ha escluso un peggioramento dello stato cutaneo dell'assicurato a
partire dal mese di agosto 1997. Preso atto delle conclusioni di tale perizia,
i primi giudici hanno nuovamente respinto, per pronuncia del 15 febbraio 2007,
il gravame dell'interessato.

C.
Rappresentato dall'avv. Eugenia Bianchi, l'assicurato ha avverso il giudizio
cantonale interposto in sede federale un ricorso con cui, previo allestimento
di una nuova perizia o di un complemento peritale, chiede il riconoscimento di
una rendita d'invalidità del 100% a partire dal 1° gennaio 1997, protestando
spese e ripetibili. Al gravame allega documentazione varia, fra cui un parere
del prof. L.________, responsabile del settore di dermatologia allergologica
professionale ed ambientale della clinica X.________.

L'INSAI propone la reiezione del gravame, mentre l'Ufficio federale della
sanità pubblica ha rinunciato a determinarsi.

Diritto:

1.
In primo luogo va osservato che essendo la decisione impugnata stata
pronunciata dopo l'entrata in vigore, il 1° gennaio 2007 (RU 2006 1242), della
legge sul Tribunale federale (LTF; RS 173.110), il ricorso è disciplinato dal
nuovo diritto (art. 132 cpv. 1 LTF).

2.
Oggetto del contendere è, alla luce della sentenza di rinvio del 17 marzo 2006
del Tribunale federale delle assicurazioni, l'entità della rendita d'invalidità
spettante all'insorgente a partire dal 5 agosto 1997. Nella misura in cui
l'interessato postula un aumento del tasso d'invalidità con effetto anteriore a
tale data, il gravame è pertanto irricevibile.

3.
Nei considerandi del querelato giudizio, il Tribunale cantonale ha già
esattamente ed in modo esauriente esposto il disciplinamento applicabile in
materia di revisione di una rendita dell'INSAI, ricordando nel contempo i
principi ai quali è subordinato il riconoscimento del valore probante delle
certificazioni sanitarie. A tale esposizione può essere fatto riferimento e
prestata adesione non senza tuttavia soggiungere che per quanto concerne in
particolare le perizie giudiziarie la giurisprudenza ha statuito che il giudice
non si scosta senza motivi imperativi dalla valutazione degli esperti, il cui
compito è quello di mettere a disposizione del tribunale le proprie conoscenze
specifiche e di valutare, da un punto di vista medico, una certa fattispecie.
Ragioni che possono indurre il giudice a non fondarsi su un tale referto sono
ad esempio la presenza di affermazioni contraddittorie nella perizia stessa
oppure l'esistenza di altri rapporti in grado di inficiarne la concludenza. In
tale evenienza, la Corte giudicante può disporre una superperizia oppure
scostarsi, senza necessità di ulteriori complementi, dalle conclusioni del
referto peritale giudiziario (DTF 125 V 351 consid. 3b/aa pag. 353 e
riferimenti).

4.
Dando seguito alla sentenza federale di rinvio, l'istanza precedente ha
disposto una perizia giudiziaria. Il perito incaricato, dott. G.________, dopo
avere visitato l'insorgente e avere esaminato gli atti medici all'inserto,
posta la diagnosi di eczema cronico recidivante con esacerbazioni sub-acute da
contatto nell'ambito di un'allergia di tipo ritardato al dicromato di potassio
in paziente con concomitante tendenza alla xerosi, netta diminuzione della
resistenza alcalina della pelle, probabilissima foto-dermatite di origine non
chiara, probabile allergia di contatto ai pollini delle erbe estive e
transitoria lieve iper-glicemia, ha giudicato non essere intervenuto
successivamente all'agosto 1997 un peggioramento della situazione cutanea
dell'interessato. Il perito ha in sostanza rilevato che l'eczema da contatto
diagnosticato era un'affezione cronica con andamento altalenante, nel senso che
alle sempre possibili riacutizzazioni, addebitabili al contatto con le sostanze
incriminate, farebbero seguito fasi di miglioramento, la cui durata sarebbe
condizionata dall'adeguatezza delle misure terapeutiche e preventive poste in
atto (rapporto specialistico del 12 dicembre 2006).

5.
Dopo attento esame della documentazione medica all'inserto, questa Corte non
può che concordare con il Tribunale cantonale, il quale a ragione ha fondato la
propria decisione di escludere un peggioramento delle condizioni di salute
dell'insorgente tale da giustificare un aumento della rendita a partire dal
mese di agosto 1997 sulla perizia giudiziaria del dott. G.________. In
particolare il referto giudiziario non evidenzia contraddizioni. Né si può
affermare che esso sia incompleto, si fondi su accertamenti di fatto errati o
giunga a conclusioni non motivate o non convincenti. Infine, esso neppure è
suscettibile di essere messo in discussione dal parere 5 gennaio 2007 del prof.
L.________, prodotto dall'insorgente a sostegno del gravame in sede federale.
Il fatto che le conclusioni del perito giudiziario non siano condivise dal
medico incaricato dall'assicurato non costituisce un indizio sufficiente per
far dubitare della loro fondatezza. Altrimenti, questo Tribunale si troverebbe
sistematicamente a doversi scostare da dette conclusioni, non appena il medico
di fiducia dell'assicurato esprime un diverso apprezzamento della fattispecie.

6.
Visto quanto precede, il giudizio cantonale merita di essere confermato e il
ricorso respinto in quanto infondato. Non può infine trovare accoglimento
nemmeno la richiesta assunzione di accertamenti medici completivi, l'incarto
contenendo già le indicazioni necessarie ai fini decisionali (DTF 122 V 157
consid. 1d pag. 162 con riferimento).

Per questi motivi, il Tribunale federale pronuncia:

1.
In quanto ricevibile, il ricorso è respinto.

2.
Le spese giudiziarie di fr. 500.- sono poste a carico del ricorrente.

3.
Comunicazione alle parti, al Tribunale delle assicurazioni del Cantone Ticino e
all'Ufficio federale della sanità pubblica.
Lucerna, 28 marzo 2008
In nome della I Corte di diritto sociale
del Tribunale federale svizzero
Il Presidente: Il Cancelliere:

Ursprung Schäuble