Sammlung der Entscheidungen des Schweizerischen Bundesgerichts
Collection des arrêts du Tribunal fédéral suisse
Raccolta delle decisioni del Tribunale federale svizzero

I. Sozialrechtliche Abteilung, Beschwerde in öffentlich-rechtlichen Angelegenheiten 8C.338/2007
Zurück zum Index I. Sozialrechtliche Abteilung, Beschwerde in öffentlich-rechtlichen Angelegenheiten 2007
Retour à l'indice I. Sozialrechtliche Abteilung, Beschwerde in öffentlich-rechtlichen Angelegenheiten 2007


Tribunale federale
Tribunal federal

8C_338/2007 {T 0/2}

Sentenza del 4 agosto 2008
I Corte di diritto sociale

Composizione
Giudici federali Ursprung, Presidente,
Lustenberger, Frésard,
cancelliere Schäuble.

Parti
Sezione del lavoro del Cantone Ticino,
Piazza Governo, 6501 Bellinzona,
ricorrente,

contro

U.________,
opponente.

Oggetto
Assicurazione contro la disoccupazione,

ricorso contro il giudizio del Tribunale delle assicurazioni del Cantone Ticino
del 21 maggio 2007.

Fatti:

A.
U.________, nata nel 1967, di professione venditrice di confezione, si è
iscritta in disoccupazione dal 1° luglio 2005 alla ricerca di un'occupazione a
tempo pieno quale commessa di vendita. In data 22 luglio 2006 ha presentato
all'Ufficio regionale di collocamento (URC) di L.________ una richiesta intesa
a ottenere l'assunzione da parte dell'assicurazione contro la disoccupazione di
un corso per collaboratrice sanitaria della X.________ frequentato dal 23
gennaio al 12 aprile 2006.

Mediante decisione 28 luglio 2006 il predetto ufficio ha respinto la domanda in
considerazione della professione svolta dall'assicurata, delle sue qualifiche,
della circostanza che, a partire dall'8 dicembre 2005, aveva reperito
un'occupazione a tempo parziale in qualità di venditrice, conseguendo un
guadagno intermedio, come pure del fatto che il corso in questione, oltre a non
conferire un diploma riconosciuto, orientava ad un settore con modeste
possibilità d'impiego, in genere a tempo parziale o a ore. Statuendo su
opposizione dell'assicurata, l'amministrazione ha sostanzialmente confermato il
suo provvedimento in data 10 ottobre 2006.

B.
U.________ si è aggravata al Tribunale delle assicurazioni del Cantone Ticino,
il quale, esperiti i propri accertamenti, per pronuncia del 21 maggio 2007,
accogliendo il ricorso, ha annullato la decisione su opposizione querelata e ha
riconosciuto all'insorgente le prestazioni per il corso di collaboratrice
sanitaria X.________ frequentato. Secondo il giudice cantonale, nel caso
dell'insorgente, a differenza degli altri cinque partecipanti al corso,
l'amministrazione aveva dato la dovuta importanza alle possibilità di
collocamento. Di conseguenza, pur trattandosi di un caso limite e visto anche
che la vertenza era esclusivamente limitata alle spese per il corso, avendo
l'amministrazione adottato per gli altri cinque assicurati una prassi contraria
alla legge, anche all'insorgente doveva essere riconosciuto il corso in virtù
del principio dell'uguaglianza nell'illegalità.

C.
La Sezione del lavoro del Cantone Ticino ha presentato ricorso al Tribunale
federale, al quale chiede, in accoglimento del gravame, l'annullamento del
giudizio cantonale e la conferma della decisione su opposizione querelata.
Contesta di avere adottato una prassi illegale nei casi menzionati dalla Corte
cantonale. In ogni modo, sostiene che nella fattispecie non sono dati i
presupposti per applicare il principio della parità di trattamento
nell'illegalità.

U.________, implicitamente, propone la reiezione del gravame, mentre la
Segreteria di Stato dell'economia ha rinunciato a determinarsi.

Diritto:

1.
Il ricorso in materia di diritto pubblico (art. 82 segg. LTF) può essere
presentato per violazione del diritto, conformemente a quanto stabilito dagli
art. 95 e 96 LTF. Il Tribunale federale esamina in linea di principio solo le
censure sollevate; esso non è per contro tenuto a vagliare, come lo farebbe
un'autorità di prima istanza, tutte le questioni giuridiche che si pongono, se
quest'ultime non sono presentate nella sede federale (DTF 133 II 249 consid.
1.4.1 pag. 254). Per il resto, il Tribunale federale statuisce di principio
sulla base dei fatti accertati dall'autorità precedente (cfr. art. 105 cpv. 1
LTF), riservati i casi previsti dall'art. 105 cpv. 2 LTF. Questa disposizione
gli conferisce la possibilità di rettificare o completare d'ufficio
l'accertamento dei fatti della decisione impugnata nella misura in cui lacune o
errori dovessero apparire d'acchito come manifesti (DTF 133 IV 286 consid. 6.2
pag. 288). Il ricorrente può quindi contestare l'accertamento dei fatti
determinanti per il giudizio solo se siano stati stabiliti in violazione del
diritto ai sensi dell'art. 95 LTF o in maniera manifestamente inesatta (art. 97
cpv. 1 LTF), vale a dire arbitraria, ciò che deve dimostrare con una
motivazione conforme alle esigenze poste dall'art. 106 cpv. 2 LTF.

2.
In concreto la Corte cantonale ha in primo luogo stabilito che la qui opponente
non adempiva i presupposti legali per il riconoscimento di prestazioni
assicurative in relazione alla frequentazione del corso di collaboratrice
sanitaria X.________. Questa conclusione è corretta e incontestata. Controversa
è per contro la deduzione del primo giudice, secondo cui sarebbero soddisfatte
le condizioni poste dalla giurisprudenza per beneficiare del diritto
all'uguaglianza nell'illegalità.

3.
Ove non in un caso isolato e neppure in alcuni casi, bensì secondo una prassi
costante un'autorità deroga alla legge e lascia a divedere che anche in futuro
non deciderà in modo conforme alla legge, il cittadino ha diritto di esigere di
beneficiare anch'egli dell'illegalità, sempreché ciò non leda altri interessi
legittimi. Qualora un'autorità esplicitamente riconosca l'illegittimità di una
determinata prassi anteriore e affermi chiaramente di volersi in futuro
conformare alla legge, il principio dell'uguaglianza di trattamento deve cedere
il passo a quello della legalità, fermo restando comunque che essa autorità sia
in grado di far sì che detto intento sia effettivamente concretizzato, nel
senso che essa possa effettivamente applicare la legge in modo corretto (DTF
131 V 9 consid. 3.7 pag. 20; 126 V 390 consid. 6a pag. 392; 122 II 446 consid.
4a pag. 451, con riferimenti di giurisprudenza e dottrina).

4.
A motivazione della decisione di riconoscere alla qui opponente il diritto
all'uguaglianza nell'illegalità, il primo giudice ha rilevato il fatto,
incontestato, che cinque altri assicurati avevano frequentato, a spese
dell'assicurazione contro la disoccupazione, il medesimo corso seguito
dall'interessata. Alla luce di quanto precede, ciò non basta tuttavia ancora
per poter beneficiare del diritto in questione. In effetti, come già è stato
ricordato al precedente considerando, la circostanza che la legge non sia stata
applicata o non sia stata applicata correttamente in un singolo caso o in pochi
singoli casi - circostanza questa comunque contestata dall'amministrazione
ricorrente - non conferisce di massima all'interessato che si trova nella
medesima situazione un diritto di essere anch'egli trattato diversamente da
quanto previsto dalla legge. In simili condizioni, il giudizio cantonale, che
riconosce un tale diritto a U.________, non può essere tutelato.

5.
La procedura è onerosa (art. 65 seg. LTF). Le spese, che seguono la soccombenza
(art. 66 cpv. 1 LTF), andrebbero di conseguenza poste a carico dell'assicurata
opponente. Tenuto conto delle particolari circostanze del caso, si prescinde
tuttavia eccezionalmente dal prelevare simili spese.

Per questi motivi, il Tribunale federale pronuncia:

1.
Il ricorso è accolto e il giudizio del Tribunale delle assicurazioni del
Cantone Ticino del 21 maggio 2007 è annullato.

2.
Non si prelevano spese giudiziarie.

3.
Comunicazione alle parti, al Tribunale delle assicurazioni del Cantone Ticino,
alla Segreteria di Stato dell'economia e all'Ufficio regionale di collocamento.
Lucerna, 4 agosto 2008
In nome della I Corte di diritto sociale
del Tribunale federale svizzero
Il Presidente: Il Cancelliere:

Ursprung Schäuble